martedì 17 aprile 2012

Proposta indecente


Proposta indecente…


A un colloquio di lavoro dopo un periodo di disoccupazione che cominceremo ad annoverare nelle ere… perché chiamarlo periodo… è un poco prenderci per il culo tutti, un raffreddore dura un periodo, questa è una crisi… un tumore… si ha l’impressione di avere i giorni contati e non per finire in meglio, la notte chi non ha un lavoro e neppure più vent’anni si addormenta a fatica, la mattina si sveglia a fatica, questa è l’era del vivere il presente, ma non per una conquista filosofica di un pensiero nuovo, ma per un adattamento camaleontico, non si progetta un futuro che non si vede. In questa crisi, dove tutti presto o tardi vagheremo come Zombi finchè qualcuno per grazia non ci pianterà un paletto in testa, c’è chi sta bene , anche molto bene, c’è chi sta benissimo e chi sta di merda, non ci sono più le mezze stagioni e nemmeno troppe classi sociali, si riducono a due, i barboni e i ricconi, se non sei un barbone non rimanere perplesso perché allora sei ricco… e se ci sono i ricconi è perché ci sono i barboni, ci sono questa nuova specie di barboni, quelli con la casa, ma chissà per quanto, quelli che non lo hanno fatto per scelta di vita, quelli che non puoi relegare con una scusa, la gente che non arriva a fine mese, la gente che non si può curare, che non può mangiare, ma che è da prosciugare di tasse, è quella che serve perché la classe che sta meglio poggi un piede su queste schiene e possa salire sul suo trono, e se da una parte si sprecano favoritismi, nepotismo, scambi di favori tra eletti, nonché gratuità di studi e scuole prestigiose, auto blu, sanità gratuita, alberghi gratuiti, scambi di appartamenti, regali di case, dall’altra si sprecano suicidi, indebitamenti, come muffe si affacciano nuovi usurai e una quantità di subdoli personaggi che sfrutta l’onda di questa crisi, come? Anzitutto come in ogni guerra, in ogni miseria, c’è chi riesce a trarre il proprio vantaggio, non dimentichiamo le risate intercettate sul terremoto dell’Aquila, ma solo per citarne una, queste persone che vivono delle disgrazie altrui sono tantissime, perché poi questa disoccupazione si mangia gli onesti, e favorisce la disonestà, come si mangiano l’articolo diciotto, se lo lavorano un po’ con la lingua, avete presente la vecchia pubblicità di un cewingum dove un cinese faceva di questa gomma rimasticata in maniera nevrotica una sorta di fontana… di architettura incredibile, bene con l’articolo diciotto masticato velocemente davanti alle nostre facce fanno uscire un bel dito medio, tutto per noi e i nostri diritti e aprono i cancelli, sbaragliano, la peggio gente, i peggiori aprofittatori, accomodatevi, carne umana da umiliare, da usare, sfruttare… e cominciamo a vedere i risultati, il cancro dell’era dei disoccupati, la muffa, la cricca, i virus che si annidano nell’interno del water, si nascondono ovunque nel mondo, pronti a offrirti il lavoro del momento, l’offerta del giorno, prendi 3 esseri umani paghi due. Noi disoccupati, mandiamo non so quanti curricula in giro, invadiamo di mail ogni possibile offerta e attendiamo. Attendiamo. Attendiamo. Il periodo diventa Era… non glaciale ancora, ma di merda sì. E non è che sia meglio… All’una oggi ho un colloquio di lavoro, merda! Non sono abituata, come si faceva… Un colloquio dopo tanto tempo in cui non hai risposte è come un bombardamento a cielo aperto, una carezza dopo troppe botte, ti viene da scostarti, non sai se fidarti, annusi l’offerta, ma spesso non puzza. Ti dici, vabbeh se va male, mi sarò allenata ad andare, come i pompieri fanno le finte chiamate per addestrarsi, come le scuole ogni tanto fanno finta di dover evacuare… Se non è un buon lavoro, mi sarò allenata ad uscire, all’idea… Infatti almeno una chiamata di lavoro è sempre un passo avanti rispetto al nulla, uno si prepara all’ “eventualità”, si perché dopo tanto tempo tu non ti aspetti più un lavoro. Succede. Succede. In genere per l’ansia vai due ore prima, studi la zona, ti apposti, ti gratti, alternativa, arrivi tardi perché non sei abituato… e lì sono cazzi, io sono di quelle che arrivano prima, semmai arrivo tardi dopo quando ho il contratto… Mi aveva chiamato un uomo, un lavoretto da Promoter, cosa non si nasconde dietro questa parola… nel migliore dei casi ti dicono di dargliela in cambio di un lavoro, ma c’è il peggiore dei casi, trovarti a essere selezionata per lavorare praticamente gratis! Mi trovo davanti a uno Show-room, della ridente Bologna, che di rosso e di rivoluzionario ha solo vecchi ricordi un po’ stantii, del resto i comunisti in questa Era sono scomparsi come i dinosauri, mi si fa avanti un uomo, grasso, l’aspetto di un pappone, sudato, con una croce pacchiana e d’argento cristalizzata tra il suo pelo, ora, sono atea, ma diffidate degli uomini con la croce al collo,  non riuscivo a scostare l’immagine di quel povero cristo morto in croce tra irti peli sudati, dico, ma già è morto come è morto, certo, dovendo scegliere, meglio le donne che lo portano tra le bocce, una morte migliore, decisamente, comunque scosto lo sguardo e la mia blasfemia e lo lascio nella sua, l’uomo ansimando, dice il mio cognome e fissandomi con occhi increduli mi dice:
- “ Io avevo un colloquio con lei alle 13.00” , rispondo – Sono le 13.00 – Guarda un’altra ragazza e le ripete che anche con lei aveva appuntamento alle 13.00, poi si batte il palmo sulla fronte, provocando un incredibile stress al suo unico neurone dormiente e ci guarda spaesato,  decide poi con lento comando dal cervello che può essere un’idea sentirci insieme, così noi vittime sacrificali, seguiamo il pappone al piano alto, lo Show-room è ampio, pieno di vestiti, e qui comincia  a spargere la pastura di una sorta di mistura di stronzate per farsi credere imprenditore, buono, caritatevole, e imbastirci un abitino aderente di bava di lumaca in cui dovremmo cominciare a sentirci a nostro agio, i suoi occhi pallati si spostano dal mio volto a quello dell’altra ragazza nel tentativo estenuante di carpire dove stiamo cominciando a credergli o a bercela e dove può arrischiare qualche virtuosismo e spararle anche più grosse, mi sembra di avere davanti un acrobata che dopo essersi destreggiato in un incredibile numero, trattenga a stento una scoreggia, diventando un po’ paonazzo. Cerca di entrare nel personaggio e ci racconta della catena di negozi, del fatto che questo ha aperto da un anno a Bologna e di come sia difficile trovare una commessa in gamba e adatta per lanciarlo, senza la sua presenza, a cui affidare ogni cosa, minimo personale, minima spesa, massima resa, questi soggetti in genere cercano anche di suscitare la competizione tra i poveracci o le poveracce che necessitano solo di lavorare, ma questa competizione spietata la chiamano “fare squadra”. Ora io penso di averne viste tante e sentite altrettante, ma non potevo credere a quello che ci veniva proposto in quel momento.

“Dunque il lavoro consiste in questo voi siete promoter, ma non dovete stare anzitutto sulla soglia, ma siete delle promoter anche commesse, state dentro il negozio, vi fate vedere indaffarate… naturalmente, e quando capita dentro un cliente voi tentate di portarlo al piano di sopra, parlandogli delle nuove offerte, spiegandogli che il negozio è molto più ampio e tentando di fargli salire le scale, poi qualche altra commessa se lo lavorerà per la vendita, magari gli farà provare qualcosa in camerino, le dirà… “provi questo signora, si abbina con questo”, ogni persona che porterete al piano di sopra avrete un euro, anche se non compra, eh? Così, per portarcelo! Certo non potete portare qui su più di quattro persone, un euro e mezzo tre giorni alla settimana, il fine settimana un euro, sempre se riuscite a portarli sopra, una mezz’ora di volantinaggio fuori… ogni tanto, tre ore per tre giorni la settimana … Ah questo è il catalogo dei vestiti da donna, sono vestiti che vestono da 20 a 50 anni tutte le taglie…Vi lascio anche questo foglio leggetelo, leggetelo qui, qui ci sono scritte tutte le regole... ecco.

Ci passa un foglio con punti cardine sulle cose dette, in quali casi avremmo meritato l’euro e mezzo e non seguo più di tanto, è un bene che ci voglia un porto d’armi, credetemi è un bene, perché la carne è debole e io se avessi avuto una pistola forse l’avrei usata, il mio viso era una mappa di desolazione, avevo le labbra sospese sulla parola fanculo e sentivo che aveva un peso, che questo fanculo me le faceva leggermente tenere semiaperte nell’incredulità, pensavo di non avere capito bene, che mi sarei svegliata, devo avere capito male… si senz’altro…

Il sacco di merda chiuso con la collana a croce interruppe un attimo la nostra sosta, fissavamo incredule quel foglio, “ecco naturalmente chiedete pure, onestà, dite con onestà, eh? Quello che dovete dire, io amo lo scambio, se avete suggerimenti…onestamente…

La parola onestà stava sulla sua bocca come una rosa su una cloaca, se io parlassi con onestà… perderesti lo scalpo con un rutto, se io ora dicessi quello che mi passa per la testa, persino quel crocefisso d’argento ti manderebbe a fare in culo e scenderebbe di lì, perché c’è un limite anche ai miracoli, ma mi dicevo, forse hai capito male.

-         Si, in effetti ho una cosa da chiedere, queste tre ora che passiamo qui tre volte alla settimana e possono aumentare etc…bene, parliamo però di un fisso, nel senso più un euro o un euro e mezzo a seconda di chi io riesca a sequestrar…a convincere a salire…intendo…

E quello stercoraro appallottolando la sua palla di merda di riserva, mi indica… “è scritto sul foglio vede, nooooo, non posso dare fissi, per un fisso andrei io in centro a dare volantini…”

Lo guardo con occhi di fuoco e sto per sparargli a muso duro :

-         E vacci coglione!

Ma la disoccupazione prolungata ti da’ un certo equilibrio, ribolli dentro, ma attendi, diventi uno stratega, diventi paziente, ma la vita ti passa davanti, la sua vita.

- No, vede, è proprio così, tre, quattro ore al giorno, per tre giorni alla settimana… un euro, un euro e mezzo, niente fissi, ma se riuscite a portarmi su un po’ di gente… pensateci.

E che cazzo c’è da pensare se non a come eliminarti! Lo stercoraro, prende il suo fogliettino di regole e se lo mette via, parla di iniziale contratto di collaborazione, pavoneggia un possibile futuro di commesse a partita iva, insomma delira…e nel suo delirio, sentendoci ormai perdute, improvvisa e si gioca il colore che non ha, bleffa, azzarda:

Ah !! Ma quello di promoter può essere un periodo, breve, tra l’altro, poi si può diventare commesse! Fisse in negozio! – Fisse non significa posto fisso… ma fissità delle commesse.

Intervengo – Fisse? Quindi immagino cambi il contratto, trattandosi di 8 ore al giorno, si parlerà di uno stip….

Stercoraro – Noooo… alla parola stipendio devono avergli sudato i testicoli), riprendendosi, queste donne d’oggi sono dure a capire! – No, certo, a ogni due abiti venduti la commessa avrà il 10% su ciò che vende, ogni due abiti, perché uno non vale! Non conta… capite per uno…

Mi sono girata di scatto perché sentivo alla mia destra le voci come Giovanna D’arco, ho capito che potevo pure diventare pericolosa, ennesimamente la sua parola gettata lì, come sudario:

Pensateci, possiamo fare un periodo di prova?

-Prova? E che cazzo proviamo? Usciamo in strada ad accalappiare gente, li mandiamo a calci nel culo o con ogni lecito mezzo al piano di sopra per un euro? Vieni al piano di sopra ci sono altri abiti e ti faccio vedere anche il pelo, ma se mi faccio guardare le tette al piano di sopra ci vieni? Perché se ci vieni mi prendo ben un euro e mezzo! E con le donne, come le convinco, che i vestiti fanno cacare! Ogni sequestro un euro, non parliamo poi della dignità, poi, perché salgo di grado, faccio la commessa gratis, gratis 8 ore al giorno e se vendo quei due vestiti da nonna che hai in magazzino, mi piglio ben il dieci per cento? Se mi chiedeva di dargliela l’avrei disprezzato di meno! Ma si rende conto questo alieno che ho davanti a sudarmi che persino il cristo che ha al collo gli fa il gesto dell’ombrello, si rende conto che la gente non entra in nessun negozio e noi in tre ore di addescamenti non potremmo guadagnare che tre euro in tre ore? Ma poi… ma poi… questo mette lì un foglietto di poche regole, come la costituzione di Marte e pretende pure che accettiamo il delirio che gli è passato per la testa mentre il suo neurone giocava a ping pong da solo nella scatola cranica del suo cervello.

No, grazie, le rispondo subito, almeno io, preferisco fare la libera barbona, è una nuova professione, l’euro e mezzo me lo danno gli altri come carità e nel frattempo non sono neppure obbligata a sostare in questo negozio di merda, posso grattarmi un po’ il culo, con tutto rispetto e andare non vestita elegante a chiedere per favore quello che lei mi concede, e scommetto che guadagnerei più soldi, avrei voluto poggiargli un’ anfora di letame sulla sua scrivania, ma come le viene di fare una proposta del genere? Ma dove è finita la sua vergogna, che persino la vergogna si vergogna di appartenerle e così senza vergogna mi fa questa proposta di lavoro? E vuole che ci pensi un po’ su, vediamo, perché no? Lavoro gratis, gli lancio il negozio… beh, però vede, se volevo lavorare gratis trovavo lavoro, sa? Ecco in quel caso non c’è crisi, no, non c’è, sa?  Quindi diciamo che il colloquio finisce qui per me.

E lo stercoraro ha avuto persino il coraggio di chiedermi se uscendo volevo magari dare un’occhiata al catalogo, ai vestiti, comprare qualcosa… di blaterare che ricercavano anche altre figure.

Pensi, sono una persona curiosissima, sa? Ma non in questo caso.

E di questo pezzo chiedo umilmente scusa allo stercoraro, che fa un nobilissimo lavoro.

2 commenti:

  1. Questo sfogo è sacrosanto, trascinante, ma lo scenario è davvero avvilente. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, infatti lo è,avvilente, queste persone fanno leva sulla disperazione di tutti, e possono permettersi tutto e potranno permettersi anche di peggio, perchè ci stanno togliendo i diritti, e io vorrei tanto non stessimo a guardare. Ti abbraccio anch'io.

      Elimina